News & Eventi

Riserve Estere, le prime dall’Austria

Il primi tratti che ci sono stati inviati sono proprio quelli del rinomato

Aktiv Hotel Gargantini, un hotel a gestione familiare, che si trova a Frog, Rosegg, in Carinzia, a pochi km dal confine italiano.

Tra le meraviglie dei suoi 200km di riserve vi mostriamo tre di questi itinerari privati, il resto lo trovate sull’App.

La sorgiva

La sorgiva è un vero e proprio paradiso per la pesca a mosca, è caratterizzata da acqua limpidissima e potabile.

Questo spot, si trova in un bellissimo contesto naturale e scorre in mezzo al verde, le piante arrivano fino al pelo dell’acqua, questo crea ripari e tane ai pesci ma anche una difficoltà in più per i pescatori. Questa grande presenza di rami e alberi, offre ai pesci una pasturazione naturale (vespe, formiche alate,bruchi) e altri insetti che cadono in acqua, oltre ovviamente alle classiche effimere.

 In estate sono ottime imitazioni le mosche di maggio di grosse dimensioni e le sedge su amo del 10/12. Un altro alimento molto gradito aipesci della sorgiva sono i gamberi di fiume, che qui sono molto presenti.

Lente lame, si alternano a cascatelle e zone di acqua veloce, la profondità media varia dai 50/60 cm fino a 1 m con qualche buca che supera anche il metro e mezzo.

La zona a mosca, è popolata principalmente da trote (fario, iridee, lacustri) che arrivano anche a pesare oltre ai 4 kg. Vi sono inoltre bellissimi salmerini, temoli e la tanto sognata Huco Huco, che a volte supera anche i 10 kg di peso.

Nella zona spinning invece, sono le grosse trote fario a predominare l’ambiente, seguite dalle lacustri e salmerini.

Vi sono ovviamente, come nella parte a mosca trote iridee che si sono ambientate benissimo a questo tratto e riescono addirittura a riprodursi.

Infine da non dimenticare è la presenza delle grosse Huco Huco, insidiabili con esche siliconiche oppure con piccole imitazioni di topi, il tutto sempre ed esclusivamente ad amo singolo.

  Drava riserva Huco

Il fiume qui si può definire un grosso torrente di fondo valle con forti correnti, prismate e grandi raschi, il livello e la qualità dell’acqua però cambia molto nel corso dell’anno, infatti nella stagione estiva con il disgelo delle nevi e le piogge il fiume ha un livello alto. La stagione migliore per la pesca è l’autunno, altri mesi buoni sono marzo, aprile, maggio.

La riserva è ricca di temoli, specialmente di grossa taglia, quindi la pesca è principalmente incentrata sulla pesca al temolo, non sono rari esemplari di oltre 50 cm di lunghezza e la taglia media varia dai 30 ai 40 cm. Oltre ai temoli la riserva è ben popolata  da grosse e combattive iridee e da bellissime fario.

Nel periodo invernale, si pratica anche la pesca alla Huco, che qui è ben presente, con pesci veramente di grossa taglia, anche oltre i 20 kg.

 Mòll

Il tratto di Mòll in questione, è considerato un fiume (Tail water), in quanto una diga a monte devia gran parte dell’acqua in Drava.

L’acqua che resta nel Möll, uscendo dal lago artificiale, è sempre pulita e il livello è stabile, (4,5 mq al secondo). Solo in caso di piene eccezionali, la portata dell’acqua può aumentare ma solo per qualche ora.

Il letto del fiume è quindi molto ampio e il fiume scorre creando veloci raschi e piane profonde al massimo 1 m. Queste caratteristiche fanno si che questo tratto di Möll, sia indicato anche ai neofiti della pesca a mosca. Anche se il pesce qui è furbo e selettivo, le catture di grosse iridee selvatiche e di qualche temolo da record che risale dalla vicina Drava non sono rare.

 

Questa voce è stata pubblicata in News & Eventi e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.